Soffitti colorati; la nuova tendenza decor

Tag

, , , , , , , , ,

Soffitti colorati; la nuova tendenza decor
Colorare i soffitti è un nuovo trend che, negli ultimi anni, si sta consolidando.
La “quinta parete”, che non viene mai considerata e a cui solitamente viene destinato il classico bianco, diventa protagonista nel progetto d’interni.
Una scelta che dà carattere alla casa e la rende unica attraverso i diversi abbinamenti.
Vediamo come la nuova tendenza decor può trasformare un ambiente.

Soffitti colorati; la nuova tendenza decor

Dallo stile contemporaneo a quello più classico il risultato è sempre di grande effetto.
I soffitti con finiture a stucco vengono esaltati dalle tonalità scure dando raffinatezza agli spazi. Per un risultato meno audace ma sempre elegante risultano perfette le tonalità chiare.

L’uso del colore è uno strumento utilizzato dai progettisti per modificare la percezione dello spazio e minimizzarne i difetti.
Nel caso specifico del soffitto, un colore scuro tenderà ad abbassarne visivamente l’altezza. Per slanciarla occorre un colore più chiaro rispetto alle pareti oppure utilizzare una fascia perimetrale di circa 15 o 30 cm della stessa tonalità del soffitto.
Contrariamente a quanto si possa pensare, una nuance decisa per il soffitto può essere adatta anche per ambienti dalle dimensioni contenute.
Questa modalità permette di creare una percezione di allontanamento delle pareti ampliando visivamente lo spazio e rendendolo allo stesso tempo più intimo.

Negli spazi dallo stile contemporaneo si possono utilizzare combinazioni di colori per soffitto e pareti. Le tonalità devono essere ben studiate ed abbinate per ottenere ambienti armonici ed equilibrati.
La tecnica dei blocchi di colore permette di definire diverse aree funzionali all’interno di uno stesso ambiente. Tinteggiando una porzione di soffitto ed una corrispettiva fascia su una parete si può, ad esempio, limitare idealmente la zona pranzo in soggiorno oppure l’angolo cottura.

Per dare carattere ad uno spazio si può ricorrere al cosiddetto “effetto scatola” ovvero tinteggiare con la stessa tonalità di colore sia il soffitto che le pareti, estendendolo poi alle porte.
Si può utilizzare questo effetto anche nei disimpegni e negli ingressi, magari osando un po’ con delle nuance decise.

Decorare i soffitti con il colore è un modo per rinnovare gli ambienti e cambiarne l’estetica dando una nuova personalità alle stanze.

Mi piacerebbe sapere cosa ne pensi, scrivilo nei commenti qui sotto.
Nella galleria di Pinterest, soffitti colorati; la nuova tendenza decor, trovi tante altre immagini, vieni a curiosare.

Foto Pinterest: 1. Scandinavia Standard, 2. Ph Note-Design-Studio-Architonic 3. Ph Nathalie Krag per Ferm Living, 4. Dwell, 5. Domino Magazine by Yaroslav Priadka, 6. Dulux, 7. Planete deco, 8. Pinterest
Se le immagini inserite violano eventuali diritti d’autore, segnalandole saranno immediatamente rimosse.

Pubblicità

Come decorare la casa per Natale con i fiori

Tag

, , , , , , , , , , , ,

Come decorare la casa per Natale con i fiori.
È un abbinamento insolito ma di grande effetto. Attraverso alcune immagini vediamo come utilizzare i fiori, assieme alle più classiche decorazioni, per creare una piacevole atmosfera natalizia in casa.

I bulbi fioriti sono elementi che creano un gradevole contrasto per l’home decor di Natale.
Si può scegliere tra giacinti, muscari, crochi, amaryllis (Hippeastrum) e narcisi, la varietà più decorativa è la “tazetta” – “Paperwhite” o “Erlicheer.
Il colore bianco delle fioriture è perfetto per un’atmosfera da White Christmas, sofisticata ed elegante. Quella rossa di alcuni amaryllis la rende raffinata e richiama il clima gioioso delle feste.
Nei garden center si possono trovare i bulbi primaverili (da forzatura) già fioriti o prossimi alla fioritura.

Le bulbose possono essere sistemate in cache-pot di vario tipo oppure in vasi di vetro per mostrarne il terriccio o le radici quando vengono coltivate in acqua. Si possono abbinare a rami di abete o di pino, al muschio oppure a delle conifere nane. Tutte queste essenze diffondono nell’ambiente un piacevole profumo.

Per l’home decor si possono accostare gli elementi verdi e fioriti a candele, sfere in vetro, lucine e decorazioni natalizie.
Ad esempio, sul tavolino del soggiorno si può sistemare un vaso con degli amaryllis bianchi, un candelabro con una semplice candela, un portacandela a forma di stella e, per dare dinamicità alla composizione, un paio di libri su cui appoggiare una piccola renna e delle pigne. Oppure, per decorare un mobile, si può accostare ad una piccola araucaria addobbata con fiocchi di neve, un vasetto con dei giacinti bianchi, una cupola in vetro con delle sfere di carta e una stampa dai toni chiari come sfondo.
Gli stessi elementi rendono più belli anche i davanzali interni delle finestre contribuendo a creare l’atmosfera natalizia.

La stagione fredda regala altre bellissime fioriture. Oltre alla classica stella di Natale, fioriscono le orchidee, la Phalaenopsis da dicembre ad aprile, oppure la Oncidium e la Dendrobium, da gennaio a marzo.
Le orchidee sono molto scenografiche e capaci di dare un tocco di raffinata eleganza ad ogni ambiente.
Tra le piante da esterno gli ellebori con il loro candido fiore, i ciclamini e le più rustiche eriche con tonalità dal bianco al viola.
Queste si possono utilizzare per abbellire i davanzali esterni delle finestre o i balconi e creare così anche all’esterno il clima natalizio.

Sia le bulbose che le piante fiorite sono perfette per la mise en place della tavola delle feste. Sono adatte per decorarne la lunghezza, per un centrotavola, oppure per i segnaposto.

Ogni pianta o bulbo ha delle proprie esigenze per poter vivere bene e a lungo. I garden center possono fornire utili consigli. Nell’utilizzare il verde per l’home decor natalizio occorre tenerne conto e limitare gli eventuali stress.
I bulbi fioriti, in particolare, dureranno più a lungo se vengono tenuti in un luogo non troppo caldo.

Se vuoi qualche altra idea vieni a curiosare nella bacheca di Pinterest “Decorare la casa per Natale con i fiori”.

Buon Natale da Arching!

Foto Pinterest: 1. Sandra Nilsson Photographer-Vintage House, 2. Inredningshjalpen, 3. Orange-County-Register, 4. 5. 8. 10. Therese Knutsen, 6. Pinterest, 7. casatheschic, 9. ph.Frida-Ramstedt-per-Trendenser.se
Se le immagini inserite violano eventuali diritti d’autore, segnalalo e saranno immediatamente rimosse.

Per rimanere in clima natalizio

La magia del Natale; come decorare la casa

Come illuminare il Natale

Pacchi e pacchetti sotto l’albero di Natale

Biglietti chiudipacco natalizi per rendere speciale ogni regalo

La renna sotto l’albero

Come decorare la parete dietro il divano

Tag

, , , , , , , ,

Come decorare la parete dietro il divano
“Cosa metto sulla parete dietro il divano?” Questa è una delle domande più frequenti da parte di chi è alle prese con l’arredamento del soggiorno.
Vediamo qualche idea per decorarla.
Innanzi tutto, occorre avere una visione d’insieme dell’ambiente che si sta realizzando. In questo modo tutti gli elementi risulteranno in sintonia.

Come decorare la parete dietro il divano

La parete dietro il divano è parte integrante del progetto d’interni e ci sono diverse soluzioni per valorizzarla e renderla “stilosa”.

Vestire la parete
La carta da parati, rinnovata nei materiali e nel design, è tornata di gran moda ed è un ottimo elemento per dare carattere all’ambiente. Soggetti e colori sottolineano e rafforzano il mood della stanza, da quello più sobrio a quello più eccentrico.
La parete dietro il divano diventa così il punto focale del soggiorno completandone l’arredamento.

Aggiungere una boiserie
La boiserie risulta particolarmente adatta per chi desidera un ambiente raffinato ed elegante. Con il suo disegno si adatta perfettamente sia allo stile classico che a quello moderno. Attraverso il colore è possibile creare atmosfere ricercate o dalla forte personalità.
Le tonalità possono essere in nuance con il tessuto del divano oppure a contrasto per un effetto più incisivo.
I più moderni pannelli a listelli si prestano anche per le nuove tendenze come il japandi o il wabi sabi.

Usare il colore
L’uso del colore è un ulteriore modo per intervenire sulla parete dietro al divano. Accanto alla usuale tinteggiatura nel mondo dell’interior si è fatto strada un nuovo trend; il “color block”. Questa tecnica consiste nell’accostare forme geometriche e colori contrastanti o complementari per ottenere un effetto dal grande impatto visivo.
Nel progettare e realizzare la parete occorre valutare e curare bene ogni dettaglio per evitare di ottenere un effetto kitsch.
Chi preferisce una soluzione di più semplice può optare per una parete con doppio colore.

Appendere quadri e stampe
Appendere dei quadri o delle stampe sulla parete dietro il divano rende l’ambiente più caldo ed accogliente. Valutando bene le proporzioni si può scegliere di mettere uno o due grandi quadri solitamente in posizione centrata rispetto al divano, oppure optare per una composizione con più elementi.
Stile e colori devono accordarsi con gli altri elementi della stanza per creare una perfetta armonia.

Giocare con gli specchi
Tra gli elementi che possono decorare la parete dietro il divano ci sono anche gli specchi.
Uno o più specchi creano giochi di riflessi arredando in modo inusuale e raffinato il soggiorno.
Rotondi, quadrati o sagomati, si possono creare delle composizioni utilizzando dimensioni diverse.

Decorare con la luce
Le lampade oltre ad essere funzionali con il loro design completano l’arredamento.
Una lampada a sospensione può essere posizionata a fianco del divano e fatta scendere ad esempio sopra un tavolino. Una lampada a parete con braccio orientabile si dimostra particolarmente utile per leggere o creare un’atmosfera rilassante.

Disporre le mensole
Le mensole sono degli ottimi elementi per creare l’home style del soggiorno secondo il mood scelto.
Libri, vasi, piante e oggetti o soli quadri danno vita alla parete dietro il divano.
Molto scenografica risulta quella posizionata dietro lo schienale del divano. Mensola che, in questo caso, potrebbe anche essere sostituita da un mobile contenitore poco profondo.

Arredare con una libreria
Quando vi è spazio sufficiente, la parete dietro il divano può essere arredata con una libreria. In questo caso occorre assicurarsi di avere almeno 50 cm liberi per renderla fruibile.
Una libreria in questa posizione, con un curato styling, risulta particolarmente decorativa.

Mix and match, mescolare e abbinare
Alcune degli elementi proposti possono essere utilizzati insieme valorizzando con stile la parete dietro il divano ed il soggiorno.
Ad esempio, abbinando una boiserie con la carta da parati e utilizzando il colore come elemento di raccordo. Oppure “incorniciando” dei quadri contemporanei dai toni vivaci con una semplice boiserie dal colore neutro.

Tu quale soluzione preferisci? Scrivilo nei commenti!
 

Nella galleria di Pinterest, Come decorare la parete dietro il divano, trovi tante altre immagini, vieni a curiosare.

Foto Pinterest: 1. Inkiostro Bianco, 2. House beautiful, 3. Daria Zinovatna, 4. Westwing, 5. Planete deco, 6. Curated Interior, 7. Huizedop, 8. Couch, 9. Carta da parati degli anni 70, 10. Mariée Weddings
Se le immagini inserite violano eventuali diritti d’autore, segnalandole saranno immediatamente rimosse.

La casa in stile rustrial

Tag

, , , , , , , , ,

La casa in stile rustrial

Il mondo dell’abitare è in continua evoluzione. Le filosofie di vita e le influenze provenienti dai vari paesi si fondono dando vita a nuovi stili.
Da qualche anno si sta diffondendo il rustico industriale o “rustrial” (rustico + industrial).
Uno stile che mescola i materiali spartani e funzionali dell’industriale a quelli caldi degli ambienti rustici.
Ma quali sono le sue caratteristiche?

La casa in stile rustrial

Lo stile industriale, nato a New York negli anni ’50 con il recupero di vecchie fabbriche e magazzini a scopo abitativo, è caratterizzato da ampi spazi, in cui non vi sono separazioni tra le differenti aree funzionali, gli impianti sono a vista e i materiali grezzi.
Lo stile rustico deriva dalle vecchie cascine con il fascino delle travi a vista, del legno, dei mattoni e del contatto con la natura.
Il design di una casa rustrial fa convivere l’essenzialità di uno stile grezzo metropolitano con il calore delle dimore di campagna.

I materiali
I materiali e le loro texture sono i protagonisti degli ambienti in stile rustico industriale. Un equilibrato mix tra quelli dominanti nei due stili. Le tonalità calde del legno, del cotto e dei mattoni, tipici dello stile rustico delle case di campagna, si legano perfettamente con il cemento, le resine, l’acciaio, il ferro, il rame e il vetro che caratterizzano quello industriale.

I colori
La palette colori per una casa in stile rustrial si basa su tonalità intense, come il grigio, il nero, il marrone bruciato e il color ruggine a cui vengono affiancate quelle più chiare e naturali come il bianco sporco ed il beige. In questi particolari ambienti occorre tenere presente anche le cromie materiche dei metalli, del cotto e dei mattoni.

Gli arredi
L’arredamento rustico-industrial ha linee sobrie ed essenziali. L’inserimento di elementi vintage o tipici dei casali di campagna riesce a rendere gli ambienti meno freddi e più accoglienti.
In questo stile è possibile accostare ad un divano in pelle un coffe table in metallo e vetro o abbinare un tavolo in legno in arte povera con delle sedute in metallo oppure mettere insieme una lampada industriale con una sedia con la seduta in paglia o una poltroncina in vimini.
Il risultato di questi abbinamenti è la creazione di spazi raffinati e senza tempo

Tessuti
I tessuti sono importanti per rendere gli ambienti caldi ed accoglienti. Sono da prediligere quelli naturali con finitura grezza come il lino, la juta e la lana. Possono essere utilizzati per tende, cuscini e tappeti così come per vestire la tavola o il letto.

Decorazione
La decorazione di una casa in stile rustico industriale è semplice e funzionale. Non può mancare però il verde. Questo contribuisce a smorzare gli elementi più freddi e duri dell’industrial venendone allo stesso tempo esaltato.
Nella creazione di un angolo verde, grande o piccolo che sia, si possono mescolare piante dalle belle foglie verdi e piante grasse.

Lo stile rustrial è uno stile fatto di contrasti ed è perfetto per chi desidera dare alla propria casa un tocco molto personale.

A te piacerebbe vivere in uno di questi ambienti?
Nella galleria di Pinterest Stile rustrial, trovi tante altre immagini, vieni a curiosare.

Foto Pinterest: 1. 31 mètres carrès, 2. One shot coffee & Cafe 3. Pinterest, 4. Homes, 5. The Style Saloniste, 6. Anastasia Co
Se le immagini inserite violano eventuali diritti d’autore, segnalandole saranno immediatamente rimosse.

I colori dell’autunno 2022

Tag

, , , , , , , ,

I colori dell’autunno 2022

La nuova stagione sta arrivando; quali saranno i colori di tendenza del prossimo autunno?
Andiamo a curiosare tra le proposte di Pantone ispirate alle passerelle londinesi.
L’autunno-inverno 2022/2023 si colorerà di tonalità audaci accompagnate da quelle più sobrie e classiche. Nella palette emergono i contrasti tra le tinte forti ed accese e quelle delicate.
Secondo Pantone le cromie rispecchiano il desiderio di serenità e al contempo il bisogno di gioia e ottimismo.

L’autunno si veste di accenti caldi e brillanti con il rosso fuoco di Molten Lava, l’arancione di Dragon Fire ed il giallo esotico di Spicy Mustard. Nella gamma dei verdi troviamo il luminoso Abundant Green.
Queste tonalità vengono bilanciate dal marrone avvolgente di Chicory Coffe e dal verde di Cardamom Seed.
Per chi ama le tonalità romantiche, la palette presenta il rosa chiaro di Strawberry cream e il viola polveroso di Meadow Violet.
Tra le nuance fredde l’Istituto del Colore propone l’azzurro rilassante di Lichen Blue e, una novità per la stagione autunnale, il verde acqua di Waterspount.
Nella gamma dei colori classici troviamo Tapioca, un beige molto chiaro, il marrone di Iced Coffe, il caramello di Peach Caramel, il grigio classico di Quiet Shade e Blueberry, un intenso grigio blu.
Quella dei classici è una tavolozza, senza tempo, creata anche per stemperare le cromie più audaci.

I colori dell’autunno 2022

I colori moda dell’autunno possono vestire la casa dando agli ambienti stile, carattere e fascino.
Le varie tonalità si adattano ai diversi stili, dal classico a quello più eclettico.
Colori riposanti, rigeneranti ed esuberanti; scopriamone alcuni.

Di grande tendenza sono i colori della terra.
Chicory Coffe è un marrone intenso ed avvolgente adatto per creare ambienti caldi.
Può essere utilizzato su di una unica parete per dare eleganza al soggiorno o alla cucina.
Impiegato per tinteggiare pareti e soffitto, di un ingresso o un disimpegno, crea un effetto scatola ricercato e di carattere.

Un abbinamento perfetto è con Strawberry cream, una tonalità chiara di rosa. L’intensità del marrone ne smorza la romanticità dando vita a spazi raffinati.
Questa sfumatura pastello è una delle nuance che si possono utilizzare negli interni in stile nordico. Ne viene apprezzata la leggerezza e la delicatezza, fattori che si combinano bene con i caratteri tipici di questo stile come il legno chiaro, i colori neutri e le linee semplici dell’arredamento.
In questo caso viene utilizzato prevalentemente come nota di colore per tessili ed home decor.

Tra le tonalità più vivaci della palette autunnale troviamo Spicy Mustard.
Un giallo senape capace di illuminare gli interni. La tendenza lo vede presente soprattutto per le pareti che possono accompagnare un arredamento giocato sulle tonalità neutre come il grigio chiaro. Per chi ama i contrasti, invece, si possono affiancare i toni scuri e freddi come il verde bosco o il blu intenso come, ad esempio, quello della palette dei classici.

Blueberry è un blu indaco molto profondo capace di creare ambienti di grande fascino.
La sua intensità può essere bilanciata con tonalità neutre chiare e illuminata con i metalli come il rame e l’ottone.

Questo colore negli interni si accompagna bene con elementi in cuoio come, ad esempio, un divano o una poltrona per il soggiorno o delle sedie per la zona pranzo.
Per rendere più caldo questo colore basta accostarlo al legno nelle sue essenze più chiare o tendenti al miele.

Tra le tonalità neutre Pantone propone Tapioca, una sfumatura di bianco molto calda. L’utilizzo di questo colore nello stile classico moderno o minimalista rende gli ambienti molto eleganti. Abbinato a colori scuri crea contrasti molto raffinati.

La prossima stagione fredda sarà caratterizzata da colori vivaci che si accostano perfettamente e trovano equilibrio con le cromie più sobrie e classiche.

Tu hai già individuato il tuo colore preferito? Quale sceglieresti per la tua casa?
Vieni a curiosare su Pinterest nella bacheca I colori dell’autunno 2022 per vedere altri interni.

Foto Pinterest: 1. Ph-Fredrik-J-Karlsson-for-Alvhem, 2. Behance, 3. Homes Better, 4. Istom.com, 5. Colourful-Interiors-&-Travel, 6. House Beautiful, 7. SHnordic, 8. Enkomia, 9. noo.ma, 10. Normade
Se le immagini inserite violano eventuali diritti d’autore, segnalandole saranno immediatamente rimosse.

Estate, tempo di relax

Tag

, ,

Estate tempo di relax.
Per molti è giunto il momento di godersi le tanto desiderate ferie e di trascorrere del tempo liberi dagli impegni quotidiani.
Per chi ama il mondo dell’arredamento o per chi vuole approfittare di questo periodo per iniziare a pensare a come rinnovare una stanza o la casa, il blog ha qualche suggerimento.
Qui ci sono alcuni degli articoli in cui vengono illustrate tendenze, stili e idee per l’home decor:

Come rendere stiloso il davanzale della finestra
Arredare la zona pranzo
La casa Slow living
Home decor; 5 regole per disporre gli oggetti in casa 
Arredare l’ufficio in casa
Lagom, la nuova via per la felicità

Nella pagina Facebook continua l’appuntamento del mercoledì con “Un caffè con Arching”, tante idee per arredare, rinnovare e decorare la casa. Nella bacheca di Pinterest ci sono le immagini, suddivise per argomenti, da cui trarre ispirazione. Vieni a curiosare Pinterest – Un caffè con Arching

Per un consiglio personalizzato scrivi a
arching.hs@tiscali.it
puoi chiedere informazioni e preventivi gratuiti.
Arching ha la soluzione giusta per te!

Buon agosto!

Foto Pinterest: 1. Tumblr – Organizationally Impaired, 2. Micky Hoyle – House & Leisure, 3. thegraetbarndavon.co, 4 Archilovers – Interior Design Laboratorium, 5. Lonny Magazine
Se le immagini inserite violano eventuali diritti d’autore, segnalalo e saranno immediatamente rimosse.

L’uso del colore negli ambienti classici

Tag

, , , , , , , , , ,

L’uso del colore negli ambienti classici
Un ambiente classico ha un impianto caratterizzato da greche in stucco, rosoni, cornici, pavimenti in marmo o in legno, porte bugnate e boiserie.
Nell’immaginario collettivo questi elementi sono sinonimo di spazi scuri, opprimenti e pesanti.
Il ritorno di questo stile in chiave moderna o in versione minimalista ne ha modificato la percezione e l’interesse.

L’uso del colore negli ambienti classici

Il colore ha la capacità di reinterpretare la classicità e di darle una veste più contemporanea.
L’uso del bianco rinfresca visivamente e formalmente gli spazi classici esaltandone la raffinata eleganza senza tempo.
L’inserimento di elementi moderni conferisce a questi ambienti una nuova immagine.
I colori neutri come il beige, il panna o il grigio creano piacevoli contrasti con il bianco delle greche, dei soffitti o delle boiserie.

Negli ambienti classici con stucchi artistici e una base neutra, l’inserimento di elementi di design dai colori accesi conferisce loro stile e contemporaneità.

L’uso di colori intensi o vivaci spezza il rigore formale dei caratteri tipologici della classicità e li reinterpreta.
Il colore non solo per pareti e soffitti ma anche per porte e finestre con le loro cornici.

Le scelte cromatiche molto audaci come il nero, il grigio, il blu o il verde scuro conferiscono agli ambienti classici carattere ed un aspetto moderno.
Il nero abbinato ad arredi importanti è perfetto per chi ama lo stile gotico.

Attraverso il colore è anche possibile rinnovare ambienti datati dando loro più leggerezza e un nuovo fascino.
Un blocco di colore che corre tra parete e soffitto, ad esempio, è capace di dare freschezza ad un ambiente d’altri tempi. Oppure, l’uso di una nota di colore, in armonia con la palette della stanza, per il soffitto e la greca in stucco può rendere lo spazio più sofisticato.

Le immagini dimostrano come gli ambienti classici possono essere recuperati, trasformati, e rinnovati con un uso sapiente del colore.
Ti piacerebbe vivere in uno di questi ambienti?
Condividi il tuo pensiero qui sotto.
 

Nella galleria di Pinterest L’uso del colore negli ambienti classici, trovi tante altre immagini, vieni a curiosare.

Foto Pinterest: 1. Maxalto, 2. Ph Alen Cordic for Bjurfors 3. Pufikhomes, 4. The Socialite Family, 5. Scandinavia Standard, 6. Architectural Digest, 7. Bloglovin, 8. Superstane Lille, 9. Elle Decor Mariano Martín, 10. Domus

Se le immagini inserite violano eventuali diritti d’autore, segnalandole saranno immediatamente rimosse.

Come disporre i tappeti in casa; regole e dimensioni

Tag

, , , , , , , , , , ,

Come disporre i tappeti in casa; regole e dimensioni
I tappeti sono un elemento di arredo e vanno scelti in base allo stile della casa ed alle dimensioni dell’ambiente.
Dai più moderni a quelli classici, rotondi o rettangolari, a tinta unita o fantasia, a pelo lungo o corto, in lana o sisal, le varianti sono davvero molte.
Ma uno dei dubbi più frequenti quando si completa l’arredamento della casa riguarda la dimensione e la disposizione dei tappeti.

Come disporre i tappeti in casa; regole e dimensioni

Vediamo alcune regole ed indicazioni su cui ci si può basare per evitare di fare acquisti sbagliati.

Come posizionare il tappeto in soggiorno
In soggiorno la scelta del tappeto dipende dalla dimensione dello spazio e dalla disposizione degli arredi.
Un tappeto eccessivamente oversize farebbe sembrare visivamente più piccola la stanza mentre uno di dimensioni ridotte in uno spazio grande si perderebbe e tenderebbe a sminuirlo.
Quando l’ambiente è piccolo, la regola generale vuole che il tappeto abbia una lunghezza, almeno, pari a quella del divano e che venga disposto con il lato lungo parallelamente davanti a questo.
La disposizione ottimale richiede anche che ci siano circa 40 cm liberi tra il tappeto e le pareti.
In un soggiorno ampio, il tappeto andrebbe sistemato in modo tale che il divano e le poltrone, o i loro piedini anteriori, siano posizionati sopra.
In questo caso la lunghezza del tappeto, parallela al divano, deve eccedere di almeno 20 cm per lato.

L’errore da non commettere è quello di disporre un piccolo tappeto al centro della composizione degli arredi.
Indicativamente le misure standard di un tappeto per il soggiorno vanno da 240×170 cm, a 300x400cm.

Il tappeto nella zona pranzo
Utilizzare un tappeto nella zona pranzo serve a definire l’area all’interno di un ambiente più ampio come il soggiorno.
Il tappeto va posizionato in modo centrato sotto il tavolo. In questo ambiente è meglio un tappeto grande, uno piccolo farebbe sembrare sproporzionati gli arredi.
La regola prevede che abbia una dimensione sufficiente per coprire la superficie occupata dal tavolo e dalle sedie, anche quando queste vengono spostate per sedersi.
In generale si può considerare la misura del tavolo maggiorata di circa 60 cm per lato.

Mantenendo il criterio delle dimensioni vediamo quali forme si possono abbinare.
Sotto un tavolo quadrato va bene sia un tappeto quadrato che rettangolare, mentre per uno rotondo un tappeto tondo o quadrato.

Disporre il tappeto in camera da letto
Un tappeto in camera da letto contribuisce a creare un’atmosfera confortevole.
La tendenza è quella di utilizzarne uno di grandi dimensioni da posizionare sotto il letto.
Secondo la regola questo dovrebbe avere una dimensione tale da sporgere di circa 50 cm sia ai lati che ai piedi del letto.
I comodini possono essere posizionati sopra, quando il tappeto è molto grande, o restare esterni.
Indicativamente le dimensioni del tappeto per una camera matrimoniale sono 200x300cm oppure 240x340cm.

Nella camera dei bambini si può inserire un tappeto-gioco al centro della stanza. Per i più grandi invece, lo si può utilizzare per creare un angolo relax su cui aggiungere dei grandi cuscini o una poltrona sospesa.

Il tappeto per la cucina ed il bagno
In questi due ambienti l’inserimento del tappeto non vede tutti d’accordo.
Per chi è a favore vediamo quali sono le regole da rispettare.
In cucina lo styling vuole un tappeto con una lunghezza pari a quella della zona funzionale. In gergo viene chiamato “passatoia” ed è lungo e stretto. L’errore da evitare è quello di sistemarne uno piccolo in corrispondenza del lavello.
Il tappeto per il bagno è proporzionato alle sue dimensioni ed alla distribuzione funzionale degli apparecchi sanitari.
In generale si tende a prediligere la disposizione di un unico tappeto abbastanza grande da coprire l’area in corrispondenza del lavandino e della doccia o della vasca.
Risulta antiestetico, e quindi è da evitare, il set da tre pezzi (lavandino, bidet, vaso).

Il consiglio in più: se il tappeto che si ha a disposizione risulta troppo piccolo, rispetto all’ambiente a cui è destinato o all’arredamento, il suggerimento è quello di sovrapporne un altro per ottenere una superficie maggiore.
In questo caso occorre prestare attenzione ai colori ed alla texture, in modo che siano compatibili. Il risultato è esteticamente molto piacevole ed anche d’effetto.

Hai trovato utili queste informazioni?
Condividi quello che pensi qui sotto.

Per vedere altre immagini vieni a curiosare su Pinterest nella bacheca Come disporre i tappeti in casa.

Foto Pinterest: 1. archdaily-Erik-Lefvander-Lof-Arkitekter, 2. Malabar, 3. Amanda-Axelssson-Coco-Lapine-Design, 4. Frederik-J-Karlsson-for-Alvhem, 5. Paige-Rumore-Photography-lightanddwell, 6. MOTHI.form, 7. Crate-&-Barrel-decordemond, 8. Ph-Daniella-Witte-for-Design-Gateway

Se le immagini inserite violano eventuali diritti d’autore, segnalandole saranno immediatamente rimosse.

La casa diventa vegana

Tag

, , , , , , , , , , ,

La casa diventa vegana.
Nel mondo dell’abitare si sta facendo strada un nuovo modo di costruire ed arredare. Un’avanguardia che va incontro alle esigenze di chi ha scelto di vivere senza utilizzare nulla che derivi dal mondo animale.
Una filosofia di vita iniziata con il regime alimentare, proseguita nella cosmesi e nella moda per arrivare a coinvolgere l’abitare.
Nasce la casa vegana. Una casa che punta a creare spazi sani nel rispetto della vita degli animali e delle persone e ad essere più sostenibile.
I primi esempi riconducibili a questa filosofia sono la Vegan House a Ho Chi Minh (Vietnam) e la casa londinese dell’interior designer e influencer Suszi Sanunders. La prima, del gruppo Block Architects, è realizzata con materiali di recupero e riutilizzando quelli presenti mentre la seconda è completamente arredata in modo vegano.

In Italia si è parlato di vegan design per la prima volta nel 2018 durante il Salone Internazionale del Mobile.
Molte aziende si stanno spingendo verso questa direzione mettendo sul mercato elementi di arredo e complementi “cruelty-free”. Con questo termine, che letteralmente significa senza crudeltà, vengono identificati tutti quei prodotti che non derivano da animali e non sono testati sugli animali.

La casa diventa vegana

Ma come si può avere una casa vegana?
Si inizia dai materiali, questi sono i primi a cui prestare attenzione. In una casa vegana devono essere cruelty-free, naturali e sostenibili.
Il legno è un materiale naturale per eccellenza, ma per la casa vegana deve provenire da foreste gestite responsabilmente con certificazioni FSC (Forest Stewardship Council) e PEFC (Programme for Endorsement of Forest Certification). Sì, anche, al legno riciclato che spesso viene utilizzato per le pavimentazioni o i rivestimenti.
Tra i materiali naturali rientrano anche di tessuti come il cotone, il lino o la canapa. Oppure il cocco ed il bambù impiegati ad esempio per i tappeti.
Nella casa vegana non sono ammesse la lana e la seta.
Nell’ottica della sostenibilità vengono, invece, accettati tessuti derivati ad esempio dalla plastica riciclata.

Nel settore arredamento molte aziende stanno implementando le proprie linee con arredi sostenibili, vegani ed etici.
Nel vegan design non si utilizzano, ad esempio, pelli, eco-pelli (vera pelle lavorata nel rispetto dell’ambiente), cuoio e piume d’oca.
Nascono quindi divani con rivestimenti in pelle sintetica vegana (finta pelle) e imbottiture che impiegano una nuova fibra 100% riciclata.
Anche il cuoio ha il suo sostituito, il pinatex; un materiale, del tutto simile nell’aspetto e nell’uso, che viene ricavato dalle foglie di ananas.

Per rendere la propria casa una casa vegana si può iniziare anche dalle piccole cose.
Ad esempio, utilizzando vernici a base di oli vegetali, acqua o argilla invece di quelle derivate dal petrolio o contenenti caseina. Oppure, acquistando per il proprio letto un materasso in lattice, ricavato dalla linfa dell’albero della gomma o un “piumone” con l’imbottitura ricavata dal mais, dal bambù o dall’eucalipto.
Chi non può fare a meno delle candele per creare atmosfere accoglienti o profumare gli ambienti può scegliere le candele di soia o di stearina, 100% vegetali.

Per trasformare o arredare la casa in modo vegano è necessario prestare attenzione alle etichette, sia per le indicazioni dei materiali che per la dicitura che qualifica il prodotto come vegan friendly.

Nella bacheca Pinterest, La casa vegana, una selezione di immagini mostra alcuni interni vegani.

Tu che ne pensi? È solo un’altra tendenza o l’inizio di un cambiamento?
Condividi il tuo pensiero qui sotto.

Foto Pinterest: 1. – 3.Ph. Quang Tran-Vegan House-Block Architects, 2. – 4. Suszi Saunders, thegirlwiththegreensofa, 5. Casa Vogue, 6. Homes To Love Ph. The Palm Co
Se le immagini inserite violano eventuali diritti d’autore, segnalandole saranno immediatamente rimosse.
Per saperne di più sulla Vegan House e sulla casa della interior designer Suszi Sanunders, clicca sui link
Vegan House
Suszi Sanunders house

Come arredare e decorare la parete dietro il letto

Tag

, , , , , , ,

Come arredare e decorare la parete dietro il letto
Quando si arreda la camera spesso la parete dietro il letto resta in sospeso. Non si sa bene come completarla o decorarla.
Oggi vediamo qualche soluzione per rendere questa parete “stilosa”.
Il primo suggerimento è quello di avere una visione d’insieme dell’ambiente e prestare attenzione ai dettagli.
La parete con il letto è il punto focale della stanza e l’effetto finale dipende da tutte le scelte che si fanno; il letto, i comodini, le lampade, i tessili, i colori e i materiali.

Come arredare e decorare la parete dietro il letto

Alcune proposte sono molto semplici da realizzare, altre sono più strutturate e richiedono l’intervento di professionisti.
I quadri
La soluzione più semplice per decorare la parete dietro il letto è quella di posizionare uno o due quadri di grandi dimensioni.
Per un risultato meno usuale, si può studiare una composizione fatta da più elementi che abbiano un tema in comune e siano in linea con lo stile della stanza.
In alternativa alla collocazione sopra la testata si può valutare una disposizione decentrata che coinvolga ad esempio il comodino.

La parete colorata
Usare i colori è uno dei modi per dare carattere alla parete dietro il letto.
Le nuance e il disegno sono in stretta relazione con la tipologia, l’altezza ed il colore della testa del letto.
Se è bassa si può pensare di creare una fascia con tonalità che richiamino quelli dell’arredo. Per completare la parete si possono, poi, aggiungere dei quadri.
Se la testata è assente oppure molto semplice si possono utilizzare i colori, in gradazione o complementari, per realizzare delle figure geometriche.

La carta da parati
Negli ultimi anni si è assistito ad un ritorno della carta da parati. Rinnovata nel design e nei materiali è capace di personalizzare la parete e dare fascino all’ambiente.
Le aziende di solito sono disponibili ad elaborare una simulazione in base alle dimensioni della parete e ad inviare un campione del modello individuato in modo da poter valutare bene ogni aspetto di questa scelta.
I soggetti si adattano ai diversi gusti e stili, dai disegni vivaci o particolari a quelli più sobri e soft.

La boiserie
Per chi è alla ricerca di uno stile elegante e raffinato la soluzione è una boiserie.
Un disegno con profili elaborati e realizzato in legno si adatta ad un ambiente molto classico mentre un disegno semplice e lineare con i pannelli tinteggiati è perfetto per un ambiente moderno.

Le lampade
Per valorizzare la parete dietro il letto, al posto delle classiche lampade sul comodino, si possono utilizzare delle lampade a sospensione oppure a parete. Le prime sono anche molto scenografiche e le seconde molto funzionali soprattutto nella versione orientabile.

Le mensole
Le mensole possono essere molto utili per arredare questa parete. Se vengono messe sopra la testata del letto, occorre prestare attenzione alla loro profondità ed all’altezza a cui vengono poste in modo che siano fruibili ma non d’intralcio.
Rappresentano un’ottima soluzione per sistemare libri, fotografie o quadri a cui aggiungere dei piccoli oggetti per creare uno styling esteticamente piacevole e decorativo.

La struttura in cartongesso
Una struttura in cartongesso è un elemento funzionale e decorativo. Le nicchie possono sostituire i comodini o essere utilizzare per sistemare libri ed altri oggetti. Attraverso dei punti luce integrati nella struttura è possibile differenziare l’illuminazione dell’ambiente ed adattarla ai diversi momenti della giornata.

La parete attrezzata
Questa è una soluzione molto pratica quando si necessita di spazio.
Si può ricorrere alla parete attrezzata quando la stanza è di dimensioni contenute oppure se si ha bisogno di spazio contenitivo supplementare.
La struttura può essere composta da un armadio oppure da degli elementi più bassi integrando i comodini.

Tra le soluzioni proposte hai trovato quella adatta a te per arredare la tua parete dietro il letto?
Per vedere altre immagini e altre idee vieni a curiosare su Pinterest nella bacheca Come arredare e decorare la parete dietro il letto.

Foto Pinterest: 1. Alvhem, 2. Desenio, 3. Paint & Paper Library, 4. Finch Interior Design, 5. Wall&Decò, 6. The Little Greene Paint Company, 7. studiokestrel, 8. UltraLinx, 9. Ph. Kristofer Johnsson, 10. Design Mag FR, 11. Lineupstudio, 12. Hguan Interior Design

Se le immagini inserite violano eventuali diritti d’autore, segnalandole saranno immediatamente rimosse.